Giudice Ragazzino
Giudice Ragazzino
Eventi e cultura

Il "Giudice Ragazzino" di Pier Glionna in prima visione a dicembre. IL TRAILER

Il trailer dell'opera è stato proiettato a Gravina

In occasione della prima edizione del premio:"Un giudice ragazzino" tenutasi nei giorni scorsi presso il cinema Sidion di Gravina In Puglia è stato proiettato il trailer del cortometraggio omonimo diretto dal regista Pier Glionna, scritto da Marika A. Carolla e tratto dal romanzo di Salvatore Renna.

Pier Glionna e Marika Carolla in veste di ospiti hanno risposto alle domande poste dallo scrittore Renna circa la realizzazione del progetto, i temi della mafia e del bullismo. I due amici e collaboratori hanno inoltre, voluto ringraziare il resto della troupe che con grande impegno ha lavorato per la riuscita del medio metraggio. Glionna e Carolla hanno rivelato che la prima visione ufficiale ci sarà a Dicembre. Le sorprese di certo non mancheranno.

"Un giudice ragazzino" è un omaggio al Giudice Rosario Livatino, proprio in occasione del 28esimo Anniversario della sua scomparsa.
"Un giudice ragazzino" è un impegno civile e sociale, nato come romanzo illustrato e divenuto come cortometraggio, in cui tematiche attuali quali Giustizia, Mafia, Bullismo e Verità si intrecciano intorno al protagonista, il piccolo Rosario, che di tali temi non ne conosce nemmeno il significato.
Le riprese si sono svolte a Luglio a Spinazzola, Minervino Murge, Palazzo San Gervasio e Gravina in Puglia.
Il protagonista è Lorenzo Carulli, seguito da Domenico Panarello e Francesca Baccega.

SINOSSI
"Quando moriremo, nessuno ci verrà a chiedere quanto siamo stati credenti, ma credibili", diceva il magistrato Rosario Livatino assassinato nel 1990 dalla Stidda agrigentina.
Rosario un bambino siciliano di soli dieci anni, venuto a conoscenza della storia di questo uomo, si interroga sul senso e il significato della parola: giustizia. Sarà il padre Giordano, giovane architetto, a spiegargli che la giustizia è una virtù. La volontà attraverso la quale, ognuno rispetta i diritti dell'altro secondo la legge e la ragione. Un giro di parole molto complesso per il piccolo Rosario, che invece, imparerà sulla sua pelle tra i banchi di scuola a mettere in pratica tale "ordine". Si impegnerà a far rispettare i suoi compagni e se stesso, oltre l'omertà iniziale di alcuni educatori, contro l'operato di Bartolo e altri bulli della sua classe.
Rosario mantiene fede al suo innato senso civico e sociale, lotta affinché sia bandita ogni sorta di ingiustizia anche se minima, perché la mafia ha inizio dove essa regna.
Rosario: "giudice ragazzino" diverrà magistrato, giurerà la sua fedeltà alla Costituzione e perdonerà, l'assassino di suo padre semplice "burattino nelle mani di uomini sbagliati".
  • pierluigi glionna
Altri contenuti a tema
Il "Giudice ragazzino" di Pier Glionna presentato a Bari Il "Giudice ragazzino" di Pier Glionna presentato a Bari Il lavoro ha il sostegno della Regione Puglia e dei comuni di Spinazzola, Minervino Murge e Palazzo San Gervasio
La denuncia di Pierluigi Glionna contro il bullismo arriva su "I fatti vostri" La denuncia di Pierluigi Glionna contro il bullismo arriva su "I fatti vostri" Il giovane spinazzolese ospite di Giancarl Magalli
Contro il bullismo, lo spot progresso di Pierluigi Glionna Contro il bullismo, lo spot progresso di Pierluigi Glionna Nel cast anche i ragazzi dell’Istituto Comprensivo Mazzini-De Cerare di Spinazzola
La storia di Pierluigi contro gli insulti omofobi, il racconto smuove la rete La storia di Pierluigi contro gli insulti omofobi, il racconto smuove la rete Le parole del 20enne diventano virali: "Sono fiero di essere diverso"
© 2001-2019 SpinazzolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SpinazzolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.