Agricoltura
Agricoltura
Territorio

Migranti, Coldiretti Puglia: grande risorsa per agricoltura regionale

L'associazione chiede subito riforma Caselli reati agroalimentari

er spezzare la catena dello sfruttamento occorre affiancare le norme sul caporalato con l'approvazione delle proposte di riforma dei reati alimentari, presentate dall'apposita commissione presieduta da Giancarlo Caselli, presidente del comitato scientifico dell'Osservatorio Agromafie promosso dalla Coldiretti e mettere freno alla piaga del caporalato bianco. E' quanto emerso nel corso dell'Assemblea Nazionale di Coldiretti.
Dalle conserve di pomodoro cinesi all'ortofrutta sudamericana a quella africana in vendita nei supermercati italiani fino ai fiori del Kenya, quasi un prodotto agroalimentare su cinque che arriva in Italia dall'estero – denuncia Coldiretti Puglia - non rispetta le normative in materia di tutela dei lavoratori – a partire da quella sul caporalato – vigenti nel nostro Paese.
"Le imprese agricole che rischiano – denuncia il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele - per una qualsiasi lieve omissione commessa, prima punita con una sanzione amministrativa anche di poche decine di euro, di rispondere di un grave reato penale davanti ad un Giudice, al contempo devono assistere impotenti al comportamento di soggetti che approfittano della disponibilità di manodopera a basso costo sul mercato interno ed internazionale e, per di più, devono affrontare il "caporalato bianco" della competizione tra prodotti italiani e stranieri, agevolati questi ultimi da forme di "dumping sociale e sanitario" che consente loro di ottenere il miglior prezzo possibile sul mercato".
Da sottolineare, poi, che la filiera agroalimentare, dalla produzione agricola al commercio all'ingrosso fino ad arrivare alla distribuzione organizzata, non è quasi mai governata – aggiunge Coldiretti Puglia - da leggi che contrastino efficacemente l'abuso di potere economico da parte di alcune componenti della filiera rispetto ad altre più deboli.
"I prodotti dell'agricoltura italiana passano nelle mani dei lavoratori stranieri – ha aggiunto Angelo Corsetti, Direttore di Coldiretti Puglia - che rappresentano circa il 25 per cento del numero complessivo di giornate di occupazione del settore e rappresentano, quindi, una componente indispensabile per garantire i primati del Made in Italy alimentare nel mondo. Sono 134mila gli stranieri residenti in Puglia, con una equa ripartizione tra uomini e donne e le province di Bari e Foggia rappresentano i principali poli attrattivi per gli stranieri regolarmente residenti. Lecce, nel dettaglio, secondo i dati, è la provincia più ambita dalla nuova migrazione, seguita da Foggia, una grande risorsa dell'agricoltura pugliese che va valorizzata e difesa da inquietanti fenomeni malavitosi che umiliano gli uomini e il proprio lavoro e gettano una ombra su un settore che ha scelto con decisione la strada dell'attenzione alla sicurezza alimentare e ambientale".
Senza dimenticare che "sfruttamento" nei confronti degli imprenditori agroalimentari è avvalersi – conclude Coldiretti Puglia - impunemente del cosiddetto "italian sounding", comportamento molto subdolo e difficile da individuare che priva i nostri produttori agricoli di miliardi di euro e l'intero settore di milioni di posti di lavoro regolare.
  • coldiretti puglia
Altri contenuti a tema
Manovra, per privatizzazione oltre 100 mila metri quadri disponibili nella Bat Manovra, per privatizzazione oltre 100 mila metri quadri disponibili nella Bat Analisi di Coldiretti Puglia. Sono circa 5,7 milioni i metri quadri di terreni nel resto della Regione
Oltre 39 mila stranieri occupati nell'agricoltura pugliese Oltre 39 mila stranieri occupati nell'agricoltura pugliese A fronte dei 134mila residenti nella regione, la presenza degli stranieri è sempre più un apporto rilevante in termini di manodopera
Puglia, olio d'oliva ai minimi storici: la preoccupazione del mondo agricolo e della politica regionale Puglia, olio d'oliva ai minimi storici: la preoccupazione del mondo agricolo e della politica regionale "La Regione chieda al ministero la declaratoria dello stato di calamità naturale"
Maltempo, Coldiretti Puglia preoccupata per l'aumento dei danni subiti: "Comuni a rischio idrogeologico" Maltempo, Coldiretti Puglia preoccupata per l'aumento dei danni subiti: "Comuni a rischio idrogeologico" Impressionante la conta dei danni e delle disfunzioni fatta dal Presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia
Maltempo, alto rischio idrogeologico per straordinaria ondata di maltempo Maltempo, alto rischio idrogeologico per straordinaria ondata di maltempo Coldiretti Puglia teme per alcune zone della nostra regione, in particolare per il tarantino
Sprechi alimentari in Puglia: ogni anno in pattumiera ben 310 tonnellate di cibo Sprechi alimentari in Puglia: ogni anno in pattumiera ben 310 tonnellate di cibo Resi noti ieri i dati predisposti da Coldiretti, in occasione della giornata mondiale dell’alimentazione
Savino Muraglia è il nuovo presidente Coldiretti di Puglia Savino Muraglia è il nuovo presidente Coldiretti di Puglia A pochi giorni dalla sua elezione a presidente dell'organizzazione per le province di Bari e Bat oggi il nuovo prestigioso incarico
E' Savino Muraglia il nuovo presidente di Coldiretti Bari e Bat E' Savino Muraglia il nuovo presidente di Coldiretti Bari e Bat L'imprenditore olivicolo è stato eletto dall'Assemblea dei presidenti per il prossimo quinquennio 2018-2023
© 2001-2018 SpinazzolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SpinazzolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.