Approvato ordine del giorno Gemmato
Approvato ordine del giorno Gemmato
Politica

Migranti, in parlamento passa la proposta Gemmato

Un migrante non deve costare allo Stato più dell'assegno sociale

"È stato approvato ieri l'ordine del giorno da me presentato in fase di dibattimento del dl sicurezza: impegno il Governo a valutare l'opportunità di ridurre l'onere statale pro capite per migrante richiedente asilo in modo da non risultare comunque superiore all'assegno sociale mensile corrisposto ai cittadini italiani in condizione di difficoltà". Lo scrive il deputato pugliese di Fratelli d'Italia Marcello Gemmato sulla sua pagina Facebook.

Per l'accoglienza dei migranti lo Stato ha accumulato nel 2017 debiti fuori bilancio per mezzo miliardo e dal 2014 fino all'anno scorso la spesa si è quadruplicata: da 640 milioni a 2.4 miliardi.

Secondo un'indagine sulla prima accoglienza degli immigrati, la gestione del Fondo nazionale per le politiche e i servizi d'asilo 2013-2016 pubblicata dalla Corte dei Conti, solo il costo per la prima accoglienza degli immigrato giunti in Italia nel 2016 ha pesato per almeno 1.7 miliardi sulle spalle dello Stato italiano, contro poco più di 46 milioni messi sul tavolo dalla UE.

In generale, lo sforzo finanziario dell'Italia è stato ingente, posto che, oltre i 2.4 miliardi dell'accoglienza, con circa 9.200 centri di ospitalità dislocati nel 40% dei Comuni, ci sono gli oneri delle forze dello Stato impiegate sul fronte immigrazione: Guardia di Finanza, Guardia Costiera, Marina Militare, Polizia di Stato.
  • Marcello Gemmato
  • migranti
Altri contenuti a tema
Venerdì 19 a Ruvo terzo appuntamento con #Opencamera e l'On. Gemmato Venerdì 19 a Ruvo terzo appuntamento con #Opencamera e l'On. Gemmato Intruduzione dell'Avv. Francesco Scarongella
© 2001-2018 SpinazzolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SpinazzolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.