medici del servizio sanitario
medici del servizio sanitario
Attualità

«Pochi medici e infermieri», i sindacati lanciano l'allarme

Nei prossimi 6 anni 1600 medici lasceranno gli ospedali pugliesi

L'USPPI Puglia lancia l'allarme: le prestazioni sanitarie pugliesi potrebbero essere compromesse con ricadute negative sui pazienti, e questo a partire da quest'anno a causa della "voragine" che si sta per creare dovuta ai pre-pensionamenti di infermieri e medici legati alla "quota 100" oltre ai pensionamenti naturali per età per circa 4000 infermieri – denuncia il segretario nazionale dell'Usppi Nicola Brescia eletto sabato scorso per acclamazione. Un allarme lanciato altresì dalla Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche (ENOPI) che ha già comunicato che 818 infermieri smetteranno di lavorare entro la fine dell'anno perché hanno già informato del proprio prepensionamento. Un grido d'allarme dei 3 presidenti dell'OPI di Bari, BAT e Brindisi che ha indotto gli stessi a scrivere al Governatore Pugliese Emiliano affinché si provveda immediatamente al reclutamento del personale infermieristico per far fronte alle criticità che si andranno a palesarsi a breve negli ospedali pugliesi.

" La fuoriuscita dal mondo del lavoro a breve di circa 20 mila unità tra medici e infermieri per la quota 100 oltre alle circa 50.000 unità che già mancano al servizio sanitario nazionale ci preoccupa moltissimo, in particolare per la Puglia si prevede che nei prossimi 6 anni oltre 1600 medici lasceranno gli ospedali pugliesi, in particolare il Di Venere ed il San Paolo e il problema è più che serio se si pensa che i concorsi banditi per i medici vanno deserti soprattutto per alcune figure come pediatri, ortopedici, anestetisti ecc. Occorre sbloccare la situazione in particolare per quanto riguarda il finanziamento delle borse di specializzazione per i giovani medici attualmente intrappolati da un sistema che non consente ai posti di specializzazione, aumentando paradossalmente la schiera degli inoccupati con fughe all'estero. Siamo allarmati per i pazienti e ci appelliamo al Governatore Emiliano per trovare soluzioni immediate atte a garantire il personale infermieristico necessario al soddisfacimento dei bisogni" – dichiara il Segretario Nazionale dell'Usppi Nicola Brescia.
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Liste di attesa in sanità, la ASL BAT al lavoro per ridefinire i processi Liste di attesa in sanità, la ASL BAT al lavoro per ridefinire i processi Delle Donne: «Siamo consapevoli delle difficoltà ma la nostra attenzione è massima»
Stabilizzazione personale, buone notizie per i lavoratori della Asl Bt Stabilizzazione personale, buone notizie per i lavoratori della Asl Bt Fp Cgil Puglia esprime grande soddisfazione
1 Presìdi sanitari, Mennea: "A Spinazzola funzionano ma c'è da migliorare" Presìdi sanitari, Mennea: "A Spinazzola funzionano ma c'è da migliorare" Si conclude il tour con il consigliere Santorsola
L’Ordine degli Infermieri indice il premio per la miglior tesi di ricerca 2019 L’Ordine degli Infermieri indice il premio per la miglior tesi di ricerca 2019 Al concorso possono partecipare tutti gli infermieri ed infermieri pediatrici neolaureati iscritti all’Ordine della Provincia BAT nel 2018
Un incontro sulle prospettive di miglioramento della sanità nel territorio Un incontro sulle prospettive di miglioramento della sanità nel territorio Si discuterà dei nuovi presidi territoriali di assistenza che affiancheranno gli ospedali di primo e secondo livello
Nuovo ospedale di Andria e della Bat, Sabino Zinni (ESP): "Ecco i tempi di realizzazione" Nuovo ospedale di Andria e della Bat, Sabino Zinni (ESP): "Ecco i tempi di realizzazione" Adesso c'è l'autorizzazione della giunta regionale
Cure in oncologia, presenze da Minervino Murge e Spinazzola per la serata del CALCIT Cure in oncologia, presenze da Minervino Murge e Spinazzola per la serata del CALCIT L'associazione andriese discute di salute e di volontariato a favore dei malati oncologici
Regione, avvio della seconda fase del Tecnopolo per la Medicina di Precisione Regione, avvio della seconda fase del Tecnopolo per la Medicina di Precisione Si darà impulso alla ricerca traslazionale nel campo della medicina di precisione mediante approcci innovativi circa le nanotecnologie
© 2001-2019 SpinazzolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SpinazzolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.