Frutti tropicali
Frutti tropicali
Attualità

Clima tropicale in Puglia, aumenta la coltivazione di frutti esotici

L'analisi del cambiamento climatico in campo agricolo di Coldiretti

Da mango a banane per affrontare le temperature bollenti causate dai cambiamenti climatici le coltivazioni di frutta tropicale in Italia sono raddoppiate in meno di tre anni, con la Puglia che registra una impennata delle coltivazioni di avocado, mango e bacche di Goji Made in Puglia insieme a tante altre produzioni esotiche di largo consumo come le bacche di aronia, le banane e il lime. E' quanto emerge da un'analisi di Coldiretti Puglia, in occasione degli Stati Generali dei florovivaisti italiani sul futuro verde delle città a Giarre (Catania) con la presentazione delle produzioni di tropicali italiane e la preparazione in diretta della prima macedonia di frutti esotici Made in Italy in riferimento agli impegni sul clima della Cop 26 a Glasgow, alla presenza del presidente della Coldiretti Ettore Prandini e del Ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli.

"Anche a seguito dei cambiamenti climatici in atto e alla tropicalizzazione si è passati da pochi ettari piantati con i superfrutti esotici ad oltre 500 ettari con un incremento esponenziale negli ultimi anni. Il fenomeno della frutta esotica in Puglia, spinto anche dall'impegno di tanti giovani agricoltori, è un esempio della capacità di innovazione delle imprese agricole pugliesi nel settore ortofrutticolo che troppo spesso viene però ostacolata da un ritardo organizzativo, infrastrutturale e diplomatico", dichiara Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Originario della zona che dalle montagne centrali ed occidentali del Messico arriva fino alle coste del Pacifico dell'America Centrale – spiega Coldiretti Puglia - l'avocado è un frutto tropicale che ha trovato nel clima del sud Italia un perfetto habitat a cui adattarsi.

A Castellaneta sono state piantumate altre 32mila piante di avocado, mentre in Salento si parla di 100mila piante di avocado e 8mila piante di mango e altrettante piante di lime, mentre fanno capolino timidamente le coltivazioni di banane 100% made in Puglia. Le rosse bacche della Pianta di Goji spesso definite frutti della salute per le loro funzioni antiossidanti e antiinfiammatorie grazie a sostanze nutritive – dice Coldiretti Puglia - che danno alle Bacche di Goji tali caratteristiche sono rilevate in grande quantità, molto di più che in altri vegetali per una dieta sana e naturale tanto che la Bacca prodotta dalla Pianta di Goji è centrale nell'alimentazione di molte zone dell'Asia orientale. Le bacche di aronia arrivano dall'America, ma ormai sono diffusissime nell'Est Europa – aggiunge Coldiretti Puglia - hanno numerose proprietà benefiche, dovute soprattutto al loro elevato apporto di antiossidanti.

Il segmento di mercato della frutta esotica sta crescendo vertiginosamente considerato che oltre sei consumatori su 10 (61%) acquisterebbero banane, manghi, avocado tricolore se li avessero a disposizione invece di quelli stranieri, secondo un sondaggio Coldiretti-Ixè. Il 71% dei cittadini sarebbe inoltre disposto a pagare di più per avere la garanzia dell'origine nazionale dei tropicali. Una scelta motivata dal maggiore grado freschezza ma anche dal fatto che l'Italia – precisa la Coldiretti – è al vertice della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari (0,8%), quota inferiore di 1,6 volte alla media dell'Unione Europea (1,3%) e ben 7 volte a quella dei Paesi extracomunitari (5,5%).

Sempre più spesso nelle regioni del Sud – sottolinea la Coldiretti – prima si sperimentano e poi si avviano vere e proprie piantagioni di frutta originaria dell'Asia e dell'America Latina dalle banane ai mango, dall'avocado al lime, dal frutto della passione all'anona, dalla feijoa al casimiroa, dallo zapote nero fino al litchi, per un consumo totale stimato in oltre 900mila tonnellate a livello nazionale.

Il tutto grazie all'impegno di giovani agricoltori ma anche delle donne in agricoltura che – ricorda la Coldiretti Puglia – hanno scelto questo tipo di coltivazione, spesso recuperando e rivitalizzando terreni abbandonati proprio a causa dei mutamenti climatici e in precedenza destinati alla produzione di arance e limoni. Una scelta per rispondere all'esigenza di oltre sei italiani su 10 (61%) che acquisterebbero tropicali italiani se li avessero a disposizione invece di quelli stranieri, secondo un sondaggio Coldiretti-Ixè. Il 71% dei cittadini sarebbe inoltre disposto a pagare di più per avere la sicurezza dell'origine nazionale dei tropicali. Una tendenza motivata dal maggiore grado freschezza ma anche dalle preoccupazioni sulle garanzie di sicurezza del prodotto importato.

"Strategico supportare e incentivare l'imprenditoria femminile in agricoltura che offre notevoli potenzialità occupazionali, puntando sulle giovani donne che stanno investendo in colture e processi innovativi. L'agroalimentare può offrire 100mila posti di lavoro green entro i prossimi 10 anni in Puglia con una decisa svolta dell'agricoltura verso la rivoluzione verde, la transizione ecologica e l'innovazione", spiega la leader regionale e nazionale di Coldiretti Donne Impresa, la pugliese Floriana Fanizza.

Quello delle piante tropicali Made in Italy – sottolinea la Coldiretti – è un fenomeno destinato a modificare in maniera profonda i comportamenti di consumo nei prossimi anni, ma anche le scelte produttive delle stesse aziende agricole per gli effetti del surriscaldamento determinati dalle mutazioni del clima. Il 2021 in Italia – spiega Coldiretti – è stato fino ad ora il dodicesimo anno più caldo della Storia da quando sono iniziate le rilevazioni nel 1800 con una temperatura superiore di 0,69 gradi rispetto alla media storica nei primi 10 mesi secondo elaborazioni Coldiretti su dati Isac Cnr. E non è un fatto isolato ma strutturale in Italia dove la classifica degli anni più caldi negli ultimi due secoli si concentra nell'ultimo periodo e comprende nell'ordine – conclude la Coldiretti – anche il 2018, il 2015, il 2014, il 2019 e il 2003.
  • coldiretti puglia
Altri contenuti a tema
Clima pazzo e balzo dei costi, bilancio agricolo sconvolto Clima pazzo e balzo dei costi, bilancio agricolo sconvolto Coldiretti: "Il valore aggiunto cala solo per l’agricoltura e la pesca del -2,1%"
Allarme lupi e cani ibridi, presi d'assalto stalle e pascoli Allarme lupi e cani ibridi, presi d'assalto stalle e pascoli La denuncia di Coldiretti
Covid, con aumento dei contagi a rischio intera filiera agroalimentare Covid, con aumento dei contagi a rischio intera filiera agroalimentare L'allarme di Coldiretti sul pericolo di un ritorno delle restrizioni
Violenza sulle donne, Coldiretti: "Cambiare mentalità anche sui posti di lavoro" Violenza sulle donne, Coldiretti: "Cambiare mentalità anche sui posti di lavoro" Aumentano le quote rosa anche in ambito agricolo
Allarme criminalità in campagna, ulivi depredati nella Bat Allarme criminalità in campagna, ulivi depredati nella Bat La denuncia di Coldiretti che chiede l’intervento dell’Esercito e fa appello al Ministero delle Politiche agricole e dell'Interno
Partita la campagna olivicola ma in Puglia manca manodopera agricola Partita la campagna olivicola ma in Puglia manca manodopera agricola Coldiretti: "Necessario Decreto Flussi per accogliere lavoratori stranieri"
Grano sottopagato ma schizzano i prezzi del pane Grano sottopagato ma schizzano i prezzi del pane La preoccupazione di Coldiretti: "Elevati i costi di produzione, è allarme import grano dall'estero"
Pannelli fotovoltaici in Puglia, una petizione contro il consumo di suolo selvaggio Pannelli fotovoltaici in Puglia, una petizione contro il consumo di suolo selvaggio Raccolte già quasi 10mila firme dai giovani di Coldiretti
© 2001-2021 SpinazzolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SpinazzolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.