Primavera
Primavera
Territorio

Primavera in anticipo, Coldiretti: «Disastrosi gli effetti sui campi»

L'allarme: "Fioriture in tilt e poca acqua negli invasi"

Elezioni Regionali 2020
Dopo le bufere di vento e il crollo repentino delle temperature anche di 10 gradi, torna la primavera in Puglia con albicocchi e mandorli in fiore. È quanto emerge da un'analisi di Coldiretti Puglia che segnala gli effetti del clima pazzo, per cui si alternano a distanza di poche ore fenomeni estremi e controversi.

«Dopo le forti raffiche di vento e la colonnina di mercurio in caduta libera, si sta tornando a temperature che raggiungeranno nuovamente i 20 gradi centigradi. I continui shock termici stanno mandano in tilt qualche albero da frutto che sta fiorendo in anticipo anche di 2 mesi.

Il clima pazzo non aiuta certamente la programmazione colturale in campagna e la diminuzione di acqua negli invasi è continua e costante, mitigata solo parzialmente dalla sporadiche piogge torrenziali che producono solo un effetto disastroso sui campi», denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

«In Puglia la disponibilità di acqua negli invasi – aggiunge Coldiretti Puglia - è addirittura dimezzata in 12 mesi con circa 140 milioni di metri cubi, contro i 280 di un anno fa secondo gli ultimi dati dell'Osservatorio Anbi».

«Scenari primaverili, con alberi di pero in fiore a dicembre, mandorli fioriti a gennaio e albicocchi a febbraio, a causa del clima pazzo e della tropicalizzazione che fa registrare temperature bollenti, superiori di 1,39 gradi la media stagionale. L'agricoltura pugliese per effetto dei cambiamenti climatici ha perso più di 3 miliardi di euro nel corso del decennio tra produzione agricola, strutture e infrastrutture rurali», conclude il presidente Muraglia.

Disastrosi gli effetti sui campi del clima pazzo che azzera in pochi attimi gli sforzi degli agricoltori che perdono produzione e al contempo subiscono l'aumento dei costi a causa delle necessarie risemine, ulteriori lavorazioni, acquisto di piantine e sementi e utilizzo aggiuntivo di macchinari e carburante. Gli imprenditori si trovano ad affrontare fenomeni controversi, dove in poche ore si alternano eccezionali ondate di maltempo a siccità perdurante e caldo anomalo, conclude Coldiretti Puglia.
  • agricoltura
Altri contenuti a tema
Aumenta il numero di aziende agricole. Nella BAT sono 8.857 Aumenta il numero di aziende agricole. Nella BAT sono 8.857 I dati di Cia Puglia come riporta lo studio dell’Osservatorio Economico di Davide Stasi
Aumento temperature, Coldiretti: «Si aggrava il rischio desertificazione in Puglia» Aumento temperature, Coldiretti: «Si aggrava il rischio desertificazione in Puglia» Persi 100 milioni di metri cubi di acqua
L'agricoltura post Covid in Puglia punta al 4.0, «Ma manca la banda larga» L'agricoltura post Covid in Puglia punta al 4.0, «Ma manca la banda larga» Soltanto il 40% delle imprese in Puglia ha accesso facile alla rete ad alta velocità
Rete lavoro agricolo di qualità, nella Bat si sono iscritte solo 8 aziende Rete lavoro agricolo di qualità, nella Bat si sono iscritte solo 8 aziende Flai Cgil Bat: «Numero troppo basso. È uno strumento indispensabile contro il sommerso e le illegalità»
Calano gli infortuni in agricoltura, ma serve semplificazione burocratica Calano gli infortuni in agricoltura, ma serve semplificazione burocratica Il tema al centro di un incontro con il direttore di INAIL Bari
Siccità, Coldiretti: «Necessarie infrastrutture per non disperdere l’acqua piovana» Siccità, Coldiretti: «Necessarie infrastrutture per non disperdere l’acqua piovana» Puglia a rischio desertificazione e reti colabrodo, perso l’89% della pioggia caduta
Furti di uva da tavola nella Bat, Confagricoltura chiede «Potenziare pattugliamenti» Furti di uva da tavola nella Bat, Confagricoltura chiede «Potenziare pattugliamenti» Il presidente Michele Lacenere scrive al Prefetto Maurizio Valiante
I sindacati chiedono la ripresa della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità I sindacati chiedono la ripresa della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità Flai Cgil, Fai Cisl e Uila scrivono all’Inps per sollecitare una riunione dopo il lockdown
© 2001-2020 SpinazzolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SpinazzolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.