Antonio Cicorella
Antonio Cicorella

Venticinque anni senza Antonio Cicorella

Nell'anniversario della sua scomparsa l'auspicio che il centro di accoglienza da lui fondato riapra al più presto

A 25 anni dalla morte di Antonio Cicorella, fondatore ed animatore a Spinazzola dell'Associazione "Insieme", l'esempio della sua attività per la comunità nel ricordo del giornalista Cosimo Forina.

La vita di chi ci ha lasciato non è finita: continua in coloro che lo hanno amato, perché l'amore è l'essenza stessa della vita.

Possiamo affermare che questo sentire comune ha una sua conferma ed è rappresentata da chi ha fatto dono della sua vita per amore verso gli altri e da chi – avendo ricevuto quell'amore tanto da vedere la propria vita salvata - sente riconoscenza per il suo benefattore.

Il 27 settembre 2020 ricorre il venticinquesimo anniversario dalla scomparsa di Antonio Cicorella, fondatore ed animatore a Spinazzola dell'Associazione "Insieme".

Un tempo trascorso, 25 anni, pari ad una generazione. Ed è proprio alle nuove generazioni che è giusto tramandare il ricordo di quest'Uomo.

Antonio ha amato e creduto nel riscatto possibile di ogni persona ponendosi a servizio degli altri, "incarnando", pur nella propria sofferenza, che vincere la droga è possibile ed è possibile ritornare ad essere uomini liberi anche affrontando la morte.

Oggi, entrando in città dalla strada che giunge da Gravina, il primo cartello che si incrocia indica "via Antonio Cicorella" e percorrendola si raggiunge una abitazione che porta lo stesso nome.
Qui tra il 1992 e il 1995 Antonio, pur consapevole di essere affetto da un male a quei tempi incurabile, ha accolto e sostenuto 110 ragazzi caduti nella spirale della droga ridando loro il senso della vita.

Non un eroe ma un esempio, scaturito dal desiderio di restituire ad altri quello che lui aveva ricevuto nella Comunità Incontro di don Pierino Gelmini. Era ritornato a Spinazzola dopo il Natale del 1990 e così da emarginato - per la sua passata dipendenza - era diventato protagonista della sua vita e di quella degli altri.

Il nome di Antonio Cicorella è stato iscritto nella Storia Patria come Maestro di vita.

Antonio ha dimostrato che dalla droga, da ogni droga è possibile uscire ritornando alla piena consapevolezza di sé liberandosi dalla repressione esercitata dalla sostanza, dalla cultura dello sballo che distrugge ogni capacità di esistenza alterando la realtà.

Durante i pochi anni in cui Antonio Cicorella ha guidato il centro di accoglienza il suo cammino è stato risoluto: i ragazzi di allora, oggi uomini a pieno titolo inseriti nella società, non hanno mai dimenticato l'aiuto ricevuto tanto da chiamare i propri figli, come segno di riconoscenza, con il nome di Antonio.

Qual è il messaggio trasmesso da Antonio a chi giungeva dalla strada con le braccia segnate dall'abuso delle sostanze? Perseguire un obiettivo: tornare ad essere persone capaci di recuperare un rapporto con se stessi e con gli altri partendo dall'amore per la vita. Un amore che, rivelando tutto il proprio egoismo e la propria fragilità, era andato perduto perché cercato nel finto piacere "offerto" dalla sostanza e che aveva finito per imprigionare ogni affetto ed esistenza.

È così che la droga - diventando un assoluto - finisce per mortificare affetti, sentimenti, esistenza.
Un lungo cammino quello per tornare a essere persone libere, dove il sacrificio, spesso l'idea di non farcela, le lacrime a segnare il volto, il richiamo della sostanza, il senso di colpa del proprio passato trovano argine allo sconforto nell'attenzione all'uomo.

"Credere nell'uomo nonostante tutto": è questo uno degli insegnamenti che la Comunità Incontro continua a trasmettere anche dopo la morte del suo fondatore don Pierino Gelmini sin dal momento dell'accoglienza.

Ed Antonio Cicorella aveva fatto dell'accoglienza del dolore altrui la sfida per il recupero del sorriso, per il ritorno all'abbraccio liberatorio di chi non riconosceva più come persona amata quanti si erano perduti nella spirale della droga.

Dopo l'uscita del mio libro "Antonio. Storia di un uomo" nel 2003, le amministrazioni comunali di Spinazzola, Minervino Murge e Canosa di Puglia con il Piano di zona, riconoscendo quanto avviato da Antonio Cicorella in suo nome, hanno deciso di ristrutturare con un finanziamento pubblico (circa 450mila euro) il centro di accoglienza e di corredarlo di ogni necessità.

Poi inspiegabilmente l'abbandono della struttura, mai utilizzata, il nulla, da diversi, troppi anni.

Questo accade mentre purtroppo nelle stesse città le droghe tra i giovani e la ludopatia (dipendenza dal gioco) continuano a mietere vittime e ad imprigionare, condizionando affetti e famiglie.

Antonio Cicorella è stato testimone di riscatto, ma anche monito a non cedere alle sostanze, ad ogni droga. Ha incarnato l'invito a difendere fino all'estremo sacrificio la pienezza della vita.

L'auspicio è che nella ricorrenza dei 25 anni al suo ritorno alla praterie celesti si possa vedere riaperto il centro di accoglienza da lui fondato e che porta il suo nome.

Un edificio in passato indentificato nel patrimonio della città come "ex Lazzaretto", luogo di disperazione e di morte, trasformato poi da Antonio Cicorella in casa di speranza e di vita.
Non è sufficiente aver dedicato a lui per futura memoria il nome di una strada. L'eredità morale lasciata da Antonio è quella di dare risposte alla voce degli ultimi. Lui lo aveva fatto anche con una testimonianza di fede, la quinta marcia come amava definirla, ponendosi a servizio dell'uomo, qualunque uomo nonostante tutto.


Cosimo Forina
Già presidente Associazione "Insieme"
  • Centro Prima Accoglienza Cicorella
Altri contenuti a tema
Il Centro di Pronta Accoglienza sarà intitolato ad Antonio Cicorella Il Centro di Pronta Accoglienza sarà intitolato ad Antonio Cicorella Il 27 maggio la manifestazione. Fu fondatore e animatore dell'associazione "Insieme"
© 2001-2020 SpinazzolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SpinazzolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.