Agricoltura
Agricoltura
Territorio

Allarme insetti "alieni", a rischio frutti rossi e agrumi

Oggi Coldiretti porta il caso a Verona

Il tema dei patogeni alieni è al centro della partecipazione della Coldiretti Puglia alla Fieragricola di Verona, la più grande manifestazione dedicata al settore in Italia, in programma oggi.

Alla presenza di esponenti delle Istituzioni europee, nazionali e regionali, questa mattina sarà diffuso il primo studio Coldiretti su "La strage aliena nelle campagne italiane" illustrato dal Presidente nazionale Ettore Prandini alla presenza tra gli altri del Ministro delle Politiche Agricole Teresa Bellanova, del Presidente della regione Veneto Luca Zaia, degli Assessori all'agricoltura delle regioni interessate e dei Sindaci dei comuni colpiti ma anche dei ricercatori impegnati nella lotta al pericoloso parassita.

Per i cambiamenti climatici in atto, il surriscaldamento e le barriere comunitarie colabrodo sono arrivati in Puglia parassiti "alieni", mai visti prima, che si sono accaniti su alberi, piante e frutti, dalla Drosophila Suzukii dei frutti rossi all'Aleurocanthus spiniferus che attacca agrumi e vite, dalla Xylella degli ulivi al punteruolo rosso che ha fatto strage di decine di migliaia di palme fino alla Tristeza degli agrumi.

È l'allarme lanciato da Coldiretti Puglia, in occasione dell'incontro a Turi per denunciare l'invasione dei moscerini della frutta (Drosophila Suzukii Matsumura), arrivati in Puglia nel 2012, probabilmente portati con le merci provenienti dall'Estremo Oriente.

«Gli insetti killer colpiscono le ciliegie e i frutti con colorazione dall'arancio al rosso e gli effetti si vedono solo in un secondo momento sui frutti raccolti. L'invasione di virus e insetti alieni impone una strategia complessiva della Regione Puglia contro le numerose e incontenibili malattie delle piante che arrivano in Puglia attraverso le frontiere colabrodo dell'UE che, sia improntata su una tempestiva quanto efficace azione di prevenzione e contenimento, per non mettere a repentaglio il patrimonio arboreo e produttivo pugliese, già messo seriamente a dura prova», denuncia il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia.

Il moscerino Drosophila Suzukii causa danni gravi e irreversibili su diverse specie produttrici di frutta con buccia sottile come ciliegie, fragole e l'uva nei vigneti, rileva Coldiretti Puglia, si sta diffondendo indisturbato in assenza di efficaci antagonisti naturali ed è già stato individuato in 12 regioni italiane e in 13 Paesi europei. Secondo Vincenzo Verrastro del centro di ricerche CIHEAM di Bari l'attività di monitoraggio e controllo sono determinanti, perché l'infestazione registrata nel 2015-2016 si manteneva nella forbice tra il 3 il 16%, mentre nel 2019 si è allargata esponenzialmente dal 18 al 100%, dove le varietà Ferrovia e Lapins sono risultate particolarmente esposte, riferisce Coldiretti Puglia.

Per i ricercatori la complessità del problema è legata all'impossibilità di verificare i primi sintomi delle infestazione ad occhio nudo, alla mancanza di strumenti efficienti per il controllo, con la conseguente perdita del valore commerciale del prodotto dopo 1-2 giorni dall'avvenuta ovideposizione e perdita economica del prodotto fino all'80%, rileva Coldiretti Puglia sulla base dei dati presentati dal funzionario scientifico del CIHEAM di Bari.

L'arrivo di fitopatologie, parassiti e virus provenienti da altri continenti è favorito dall'intensificarsi degli scambi commerciali, attraverso i quali arrivano in Puglia, dove trovano un habitat favorevole a causa dei cambiamenti climatici, aggiunge Coldiretti Puglia.

«Se la Xylella fastidiosa, che sta facendo strage di ulivi nel Salento proviene dal Costa Rica, il punteruolo rosso che ha letteralmente falcidiato le palme secolari pugliesi è originario dell'Asia sudorientale. Inoltre, la Puglia convive da anni con una virosi, l'alter ego della Xylella fastidiosa con le dovute differenze - di cui si parla poco, nonostante sia altrettanto virulenta. La 'Tristeza' degli agrumi, causata dal Citrus Tristeza Virus (CTV) proveniente dall'Asia Minore, appartenente al gruppo dei Closterovirusche, per cui nostri agricoltori sono costretti ad esportare agrumi con foglia sui mercati comunitari solo se accompagnati da passaporto delle piante, poiché il virus si trasmette attraverso la parte vegetale e non attraverso i frutti. I controlli in uscita sui prodotti agricoli pugliesi non sono altrettanto pressanti e stringenti su piante e prodotti esteri con un danno incalcolabile per l'agricoltura pugliese», conclude il presidente Muraglia.
  • coldiretti puglia
Altri contenuti a tema
Incentivare l'Oleoturismo per promuovere l'olio EVO Incentivare l'Oleoturismo per promuovere l'olio EVO Coldiretti interviene sulla legge "salva olio" e la valorizzazione del turismo dell'olio
Boom di furti di mezzi agricoli anche a Spinazzola Boom di furti di mezzi agricoli anche a Spinazzola Coldiretti denuncia micro e macro criminalità nelle aree rurali pugliesi
Aumentano in Puglia i matrimoni green in masseria Aumentano in Puglia i matrimoni green in masseria Analisi di Coldiretti su dati di Terranostra Puglia al Salone del Turismo di Roma
Consumi, aumenta la domanda di pesce nelle festività ma occhio alla provenienza Consumi, aumenta la domanda di pesce nelle festività ma occhio alla provenienza L'analisi di Coldiretti Puglia
Maltempo, Coldiretti: «Rischio idrogeologico per il 100% dei comuni della BAT» Maltempo, Coldiretti: «Rischio idrogeologico per il 100% dei comuni della BAT» Dal 1 agosto ad oggi 53 eventi estremi di maltempo in tutta l a Puglia
Vendemmia, Coldiretti ottimista: «Sarà una annata straordinaria» Vendemmia, Coldiretti ottimista: «Sarà una annata straordinaria» Il Primitivo è al vertice del gradimento degli italiani
Cambiamenti climatici: Puglia a rischio desertificazione, si perde un litro di acqua su due Cambiamenti climatici: Puglia a rischio desertificazione, si perde un litro di acqua su due Le aree interessate sono il 57% del territorio, necessari interventi mirati
Vendemmia, lieve calo ma sempre in top 10 nazionale Vendemmia, lieve calo ma sempre in top 10 nazionale Castel Del Monte Doc, con 9,4 milioni di ore lavorate nella provincia di Bari, è tra i primi 10 vitigni
© 2001-2020 SpinazzolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SpinazzolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.