Agricoltura
Agricoltura
Attualità

Lunga zona rossa in Puglia, Coldiretti: «Rafforzare misure di sostegno»

L'allarme sulle gravi difficoltà e perdita di fatturato del comparto agricolo

Zona rossa non stop in Puglia con 4 milioni di cittadini costretti ancora al lockdown e 22mila ristoranti, pizzerie e agriturismi chiusi ovunque, una decisione che incide sull'insieme delle attività economiche ed occupazionali a partire dalle più colpite, quelle della ristorazione e del settore turistico. È quanto afferma Coldiretti Puglia, alla luce del perdurare della stretta antiCovid che influenza pesantemente i comportamenti individuali, lasciando sostanzialmente solo la possibilità nelle aree rosse di uscire per andare al lavoro, dal medico o fare la spesa.

«È importante aver ottenuto il taglio del costo del lavoro ma occorre rafforzare le misure di sostegno all'agricoltura nei settori che hanno avuto perdite più rilevanti come quello dell'allevamento, dell'agriturismo, del vino, dei fiori, quando più di quattro aziende agricole su dieci non hanno ricevuto alcun tipo di sostegno economico. La Coldiretti ha chiesto anche la proroga della sospensione delle rate di mutui bancari ed ha formulato al Ministero delle Politiche Agricole una proposta per il riparto del fondo filiere, a favore dei settori più danneggiati», afferma Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

In Puglia l'approvvigionamento alimentare è assicurato grazie al lavoro – aggiunge Coldiretti Puglia - di oltre 100mila aziende agricole e stalle, più di 5mila imprese di lavorazione alimentare e una capillare rete di distribuzione che continuerà ad essere sostenuta dal servizio di consegna a domicilio e dall'asporto per evitare gli spostamenti anche alle persone più fragili come gli anziani e i disabili che avranno la spesa a Km0 direttamente a casa.

Il lockdown incide sull'insieme delle attività economiche ed occupazionali – dice Coldiretti Puglia - con le più colpite che sono quelle del settore turistico e della ristorazione costrette alla chiusura. Con la stretta anticovid è infatti vietato il servizio al tavolo e al bancone in bar, ristoranti, pizzerie ed agriturismi con un perdita stimata in circa 300 milioni di euro. Duramente colpiti i 900 agriturismi diffusi lungo la Penisola con l'arrivo della primavera che – precisa Coldiretti Puglia – è particolarmente apprezzata dagli amanti della campagna per assistere al risveglio della natura con piante, fiori e uccelli migratori, ma anche delle attività agricole con i lavori di preparazione dei terreni, la semina e la raccolta delle primizie da portare in tavola. Gli agriturismi, peraltro, spesso situati in zone isolate in strutture familiari con un numero contenuto di posti letto e a tavola e con ampi spazi all'aperto, sono forse – precisa Coldiretti – i luoghi più sicuri perché è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche.

Si tratta – sottolinea la Coldiretti regionale – di un duro colpo per l'agriturismo che ha già subito un crack senza precedenti, secondo l'analisi di Terranostra Puglia - con la perdita di fatturato di quasi 100 milioni di euro.

Ma in crisi – continua Coldiretti Puglia - è l'intero sistema della ristorazione con le difficoltà che si aggravano e travolgono a valanga interi settori dell'agroalimentare Made in Italy con vino e cibi invenduti per un valore di oltre 700 milioni di euro in Puglia dall'inizio della pandemia, con migliaia di agricoltori, allevatori, pescatori, viticoltori e casari che soffrono insieme ai ristoratori. Servono dunque interventi e misure di soccorso per l'intera filiera per salvare il sistema agroalimentare, con i cittadini e gli operatori economici che devono aderire con atti concreti alla campagna di mobilitazione #MangiaItaliano privilegiando negli approvvigionamenti sugli scaffali le mozzarelle con il latte pugliese al posto di quelle ottenute da cagliate straniere, salumi ottenuti con la carne degli allevamenti locali, frutta e verdura a km0 ed olio extravergine Made in Italy al 100%.
  • agricoltura
Altri contenuti a tema
Puglia, tutti i numeri del grano duro. La CIA: «Filiera in sofferenza» Puglia, tutti i numeri del grano duro. La CIA: «Filiera in sofferenza» Le priorità: prezzi, redditività, un freno all’import, i pagamenti Agea, il sostegno alla ricerca  
A rischio la produzione agricola, in Puglia arrivano 320 lavoratori extracomunitari A rischio la produzione agricola, in Puglia arrivano 320 lavoratori extracomunitari Coldiretti: «Segnale di attenzione, in attesa del Decreto Flussi 2021»
Agricoltura, prorogati permessi di soggiorno per lavoratori extracomunitari Agricoltura, prorogati permessi di soggiorno per lavoratori extracomunitari Il documento per gli operatori agricoli sarà valido fino al 31 luglio
Aumento dei costi di produzione, l'allarme di Cia Agricoltori Puglia Aumento dei costi di produzione, l'allarme di Cia Agricoltori Puglia La preoccupazione in seguito alle segnalazioni di agricoltori: «Misura 4.0: misura a favore di chi?»
Agricoltura, aumentano le giornate ma diminuiscono i braccianti. «I conti non tornano» Agricoltura, aumentano le giornate ma diminuiscono i braccianti. «I conti non tornano» L'analisi di Gaetano Riglietti della Flai Cgil Bat sul lavoro agricolo dipendente nella provincia
Comitato per l'ordine e la sicurezza nelle campagne, «Regione pronta ad accogliere le denunce» Comitato per l'ordine e la sicurezza nelle campagne, «Regione pronta ad accogliere le denunce» L'impegno attraverso l’assessore Pentassuglia ad attivare azioni di controllo per difendere il patrimonio agricolo pugliese
Oscar Green 2021, corsa al premio per 5mila giovani imprenditori pugliesi Oscar Green 2021, corsa al premio per 5mila giovani imprenditori pugliesi Un concorso per l'innovazione e la transizione ecologica nell’era del Covid
Gelate nella Bat, Ventola: «Situazione grave ma Pentassuglia ha ascoltato gli agricoltori» Gelate nella Bat, Ventola: «Situazione grave ma Pentassuglia ha ascoltato gli agricoltori» Assicurata una delibera per richiedere lo stato di calamità
© 2001-2021 SpinazzolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SpinazzolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.