Olio
Olio
Territorio

Sansa per produrre bioenergia, svolta green della filiera olivicola

La richiesta di Unaprol di un incontro al MISE per valorizzazione in ottica sostenibile

Serve una stretta per rafforzare l'alleanza strategica con i produttori di agroenergia e gli impianti di biogas per garantire la certezza e la continuità del ritiro delle sanse e sostenere la svolta green della filiera olivicola- olearia. È quanto sostiene Coldiretti Puglia, in seguito alla richiesta di Unaprol di un incontro al MISE per valorizzare la filiera olivicola-olearia italiana in un'ottica di sostenibilità ambientale ed economica che non può prescindere dalla definizione di un piano strategico che regoli e promuova la gestione green dei sottoprodotti derivanti dalla lavorazione delle olive.

La destinazione energetica garantisce infatti certezza, capillarità e continuità del ritiro della sansa umida che – aggiunge Coldiretti Puglia - se non viene allontanata nel giro di 24 ore, causa il rallentamento dell'attività dei frantoi con l'aggravio dei costi, il peggioramento della qualità delle olive in giacenza e il rallentamento della raccolta in campo.

«L'utilizzo delle sanse umide a fini energetici va garantita a beneficio dell'intera filiera olivicolo-olearia, per la evidente stretta sui costi a carico delle imprese, la netta riduzione dell'impatto ambientale, più alti livelli qualitativi dell'olio e il miglioramento delle rese produttive», afferma il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia.

Per questo UNAPROL è pronta a lavorare a fianco del Mise in questa direzione per sanare le criticità emerse riguardo alla destinazione della sansa vergine a fini energetici, con gli operatori del settore ben consapevoli delle potenzialità ambientali ed economiche connesse al rafforzamento dall'alleanza strategica tra gli attori della filiera.

Occorre valutare attentamente tutte le azioni che rischiano di impedire tale sinergia onde evitare il rallentamento dell'attività di frangitura per la prossima campagna di raccolta con relativo aggravio di costi, peggioramento della qualità delle olive in giacenza, rallentamento della raccolta e perdita di un'importante opportunità di natura ambientale, attraverso l'adozione di soluzioni virtuose dal punto di vista economico ed ambientale, a sostegno – insiste Coldiretti Puglia - di un asset strategico dell'agroalimentare italiano, la filiera olivicolo-olearia che vale oltre 1,2 miliardi di euro nella sua fase agricola e 3 miliardi in quella industriale.

Coldiretti e UNAPROL si impegneranno in qualsiasi sede per tutelare la dignità della filiera olivicolo olearia italiana, con la Puglia che produce oltre il 50% del olio Made in Italy.
  • coldiretti puglia
Altri contenuti a tema
Recovery Plan, dal cibo 100mila posti di lavoro green Recovery Plan, dal cibo 100mila posti di lavoro green Coldiretti: «Dimezzare dipendenza alimentare dall’estero nei prossimi dieci anni»
L'estate senza turisti costa alla Puglia 1 miliardo di euro L'estate senza turisti costa alla Puglia 1 miliardo di euro L’analisi Coldiretti su dati Bankitalia in merito al via libera al certificato vaccinale europeo
Covid, oltre il 30% dei nonni in povertà assoluta. «Urgono politiche socio-sanitarie» Covid, oltre il 30% dei nonni in povertà assoluta. «Urgono politiche socio-sanitarie» Coldiretti: «Allargare la legge sull’invecchiamento attivo anche ai pensionati del lavoro autonomo»
Economia circolare, in Puglia accordo per energia agricola rinnovabile Economia circolare, in Puglia accordo per energia agricola rinnovabile La stipula fra Coldiretti e ForGreen
Neve e gelo, allarme per verdure in campo e alberi in fiore Neve e gelo, allarme per verdure in campo e alberi in fiore I disagi segnalati da Coldiretti
A San Valentino un fiore per ridare ossigeno al settore in crisi A San Valentino un fiore per ridare ossigeno al settore in crisi Sale a 120 milioni il crack del florovivaismo pugliese nell’ultimo anno a causa dell’emergenza Covid
Emergenza Covid, aumenta il rischio truffe per gli anziani Emergenza Covid, aumenta il rischio truffe per gli anziani La denuncia di Coldiretti Puglia
Covid, un pugliese su due ha ridotto gli sprechi alimentari Covid, un pugliese su due ha ridotto gli sprechi alimentari L'analisi del sondaggio di Coldiretti in occasione della Giornata nazionale contro lo spreco alimentare
© 2001-2021 SpinazzolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SpinazzolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.