Coldiretti
Coldiretti
Territorio

Tutela della biodiversità nel Parco Alta Murgia contro la deriva degli alimenti "Frankenstein" e le scorribande dei cinghiali

Prosegue la raccolta firme della petizione di Coldiretti

Tutela della biodiversità con la gestione della raccolta dei frutti spontanei ma anche con il secco 'no' al cibo sintetico, la promozione del turismo, la difesa dagli incendi e il riconoscimento delle attività faunistico-venatorie al pari delle attività agricole ai fini del mantenimento degli ecosistemi. Di questo si è parlato a Gravina in un incontro organizzato da Coldiretti Puglia alla Fiera di San Giorgio, con Vito Amendolara (presidente dell'Osservatorio dieta mediterranea), Francesco Tarantini (presidente del Parco dell'Alta Murgia) e Pasquale De Palo (Dipartimento di medicina veterinaria dell'Università di Bari), che hanno firmato la petizione di Coldiretti contro la deriva del cibo sintetico. A scendere in campo a favore della petizione di Coldiretti è anche il Consorzio della mozzarella Dop Gioia del Colle, proprio nell'area del Parco dell'Altamura Murgia che va tutelato contro il cibo costruito in laboratorio e le scorribande incontrollate degli animali selvatici.

È concentrato nell'area distrettuale pugliese il 31,6% degli addetti alle imprese lattiero-casearie della Puglia e in quella materana il 21,7% di quelli lucani. Lungo la filiera agroalimentare operano 6.298 agricole, 127 di trasformazione, mentre gli addetti sono valutabili in circa 5000 unità, di cui 3000 circa operano nelle fasi agricole, 1000 nella fase industriale e 1000 nella fase terziaria della filiera lattiero-casearia.

«Si tratta evidentemente di una realtà economica di grande rilevanza che ha bisogno di essere adeguatamente rappresentata. Soprattutto va affermato l'orgoglio di vivere nei parchi da parte degli agricoltori, i veri manutentori del Parco, nella convinzione che solo un'agricoltura che produce fa bene all'ambiente, un'agricoltura che va protetta dalla deriva del cibo sintetico e dagli attacchi dei cinghiali che proliferano senza freni mettendo anche a rischio l'equilibrio ambientale di vasti ecosistemi territoriali anche in aree di elevato pregio naturalistico» ha affermato Pietro Piccioni, direttore regionale di Coldiretti.

Va sostenuto lo schema di disegno di legge del Governo contro il cibo sintetico che risponde alle richieste di oltre mezzo milione di italiani che hanno firmato la petizione promossa da Coldiretti per salvare il Made in Italy a tavola dall'attacco delle multinazionali. Le firme a supporto della nuova normativa sono state raccolte lungo tutto il Paese da Coldiretti insieme a Campagna Amica, World Farmers Markets Coalition, World Farmers Organization, Farm Europe e Filiera Italia. La petizione ha ricevuto l'adesione anche di altri Ministri e Sottosegretari, Parlamentari nazionali ed europei, Governatori, Sindaci, personalità della cultura dello sport e dello spettacolo, rappresentanti istituzionali di Regioni e Province, imprenditori e numerosi Vescovi. Dopo l'autorizzazione per il consumo umano concessa dall'autorità alimentare americana Fda ai filetti di "pollo" creati in laboratorio dalla Upside Foods e a quelli della GOOD Meat, il rischio è una diffusione anche nell'Unione Europea dove già quest'anno potrebbero essere introdotte le prime richieste di autorizzazione all'immissione in commercio che coinvolgono Efsa e Commissione Ue.

«Dopo la carne Frankenstein è arrivato il pesce fuor d'acqua di mare e il latte senza mucche, nuovo simbolo dell'attacco alle stalle e all'intero Made in Italy a tavola portato dalle multinazionali del cibo» hanno spiegato da Coldiretti. «Un'aggressione che, dietro belle parole come "salviamo il pianeta" e "sostenibilità, nasconde l'obiettivo di arrivare a produrre alimenti facendo progressivamente a meno degli animali, dei campi coltivati, degli agricoltori stessi, mentre il 94% dei pugliesi non si fida degli alimenti costruiti in laboratorio tra provette e processori, perché preferiscono mangiare solo cibo naturale coltivato e allevato (74%), manifestano consistenti dubbi sul fatto che siano sicuri per la salute (13%), mentre il 7% dei pugliesi lo boccia perché il cibo sintetico sfrutta comunque le cellule animali, secondo il sondaggio condotto sul portale regionale dell'organizzazione».

La sostituzione del cibo naturale coltivato nei campi con quello creato in laboratorio attraverso chimica e bioreattori mette in pericolo il made in Italy a tavola a partire proprio dalla Dieta Mediterrenea giudicata universalmente come la migliore soprattutto dal punto di vista della salute dell'organismo. Un primato che trova un riscontro pratico nel fatto che l'alimentazione degli italiani basata sui prodotti della dieta mediterranea come pane, pasta, frutta, verdura, carne, olio extravergine e il tradizionale bicchiere di vino consumati a tavola in pasti regolari ha consentito una speranza di vita tra le più alte a livello mondiale.
  • parco nazionale alta murgia
  • Parco dell'alta Murgia
  • Parco Alta Murgia
  • Parco Nazionale dell'Alta Murgia
Altri contenuti a tema
Casa Sanremo racconta le eccellenze del Parco dell'Alta Murgia Casa Sanremo racconta le eccellenze del Parco dell'Alta Murgia Oggi, alle 16:00, andrà in onda un servizio dedicato nel programma "L'Italia in Vetrina"
Un progetto per tutelare habitat e specie del Parco Nazionale dell’Alta Murgia Un progetto per tutelare habitat e specie del Parco Nazionale dell’Alta Murgia Quattro pubblicazioni illustrano il patrimonio di biodiversità racchiuso nelle zone umide del Parco
Un bando per la gestione sostenibile dei rifiuti nel Parco Nazionale dell'Alta Murgia Un bando per la gestione sostenibile dei rifiuti nel Parco Nazionale dell'Alta Murgia Contributi per la promozione di compostiere di comunità
Il Parco dell'Alta Murgia festeggia i parchi centenari e certifica gli operatori turistici Il Parco dell'Alta Murgia festeggia i parchi centenari e certifica gli operatori turistici Prevista la firma del memorandum del progetto Medusa
Dolce tramonto sulla Murgia fra escursionismo e visite guidate Dolce tramonto sulla Murgia fra escursionismo e visite guidate L'iniziativa toccherà Minervino Murge nella giornata di domenica
Lotta agli incendi boschivi: riuniti nel Parco dell'Alta Murgia tutti i soggetti coinvolti Lotta agli incendi boschivi: riuniti nel Parco dell'Alta Murgia tutti i soggetti coinvolti In questi giorni prenderà il via un'apposita campagna di sensibilizzazione
Divieto di discesa nella miniera di bauxite Divieto di discesa nella miniera di bauxite Lo ha disposto il presidente del Parco nazionale dell'Alta Murgia
Il comando della Polizia giordana in visita al Parco dell'Alta Murgia Il comando della Polizia giordana in visita al Parco dell'Alta Murgia Tarantini: «Illustrate le ricchezze della nostra terra»
© 2001-2024 SpinazzolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SpinazzolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.