Vino
Vino
Territorio

Dazi USA, a rischio il vino made in Puglia

L'allarme lanciato da Coldiretti Puglia

A rischio anche il vino Made in Puglia a causa della nuova black list allargata dei prodotti sui quali il presidente USA Trump è pronto ad aumentare i dazi fino al 100%, proprio quando continua a crescere il volume dei vini IGP e DOP di un ulteriore 5%.

È l'allarme lanciato da Coldiretti Puglia, sulla base dei dati di Cantina Italia dell'ICQRF del Ministero delle Politiche Agricole, mettendo a raffronto la quantità di vini pugliesi a marchio UE al 15 gennaio 2020 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

«Con i dazi significherebbe che una bottiglia di Primitivo o Negroamaro da 5-6 euro a bottiglia in Italia nella grande distribuzione degli Stati Uniti può costare l'equivalente in dollari di 10-15 euro, con un dazio del 100% il prezzo arriverebbe a 20-30 euro», denuncia il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia.

«La popolarità anche internazionale di eccellenze varietali uniche quali Primitivo, Negroamaro, Susumaniello e Nero di Troia, con il successo di vini DOP quali il Primitivo di Manduria, il Salice Salentino e il Castel del Monte, per citarne solo alcuni, hanno fatto del settore vitivinicolo pugliese – continua Coldiretti Puglia - il riferimento per vocazione, capacità di raccontare e promuovere al meglio il territorio, innovazione e grande propensione all'internazionalizzazione».

Clodiretti Puglia, inoltre, registra grande exploit della Puglia dei rossi, degli spumanti e dei vini rosati che in 3 anni registrano un balzo record del + 122%, rappresentando il 40% della produzione nazionale totale dei rosati con oltre 1 milione di bottiglie l'anno. In sintesi quasi 2 bottiglie su 4 di rosé 'Made in Italy' è pugliese e sempre i rosati fanno registrare una crescita dei consumi superiore al 13%, registra Coldiretti Puglia.

Sotto il profilo occupazionale, è la provincia di Foggia la seconda in Italia per ore di lavoro create nel settore del vino. «Il Puglia Igt crea 16,5 milioni ore di lavoro all'anno - riferisce Coldiretti Puglia - subito dopo il Montepulciano d'Abruzzo DOC». Coldiretti Puglia segnala il ruolo del settore vitivinicolo per l'economia e il lavoro nel Mezzogiorno e in Puglia, con un altro vitigno pugliese al decimo posto della top ten nazionale, il Castel Del Monte Doc, con 9,4 milioni di ore lavorate nella provincia di Bari.

Grande successo anche del biologico: 1 ettaro su 8 di vigneto è biologico in Puglia, facendo della nostra la seconda regione italiana con 10900 ettari nel segmento del vino bio, con una spiccata attenzione anche all'ambiente, testimoniato dall'utilizzo del 'tappo bio', la chiusura innovativa "carbon neutral", riciclabile al 100% e realizzata con materiali rinnovabili d'origine vegetale.
  • vino
Altri contenuti a tema
Torna "Rosati in terra di Puglia", la manifestazione enologica con ben 14 cantine della Regione Torna "Rosati in terra di Puglia", la manifestazione enologica con ben 14 cantine della Regione L'evento è in programma a Trani il 30 giugno con una sezione dedicata al food
Tutti i segreti del vino, Aspi organizza nella BAT corso per sommelier Tutti i segreti del vino, Aspi organizza nella BAT corso per sommelier L’unico riconosciuto a livello internazionale da ASI
I migliori vini di Puglia in vetrina alla ProWein di Düsseldorf I migliori vini di Puglia in vetrina alla ProWein di Düsseldorf Il bilancio al termine della fiera di settore più importante al mondo
Vino "Castel del Monte rosso riserva" su francobolli speciali Vino "Castel del Monte rosso riserva" su francobolli speciali 15 le Docg omaggiate a partire da oggi con tiratura limitata
© 2001-2020 SpinazzolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SpinazzolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.