Crollo vecchio ospedale
Crollo vecchio ospedale
Vita di città

Vecchio Ospedale: ecco perché l'immobile non poteva essere ristrutturato

In una nota la ASL chiarisce i passaggi di una vicenda complessa

In merito al crollo di un'ala del vecchio ospedale di Spinazzola, la ASL fa chiarezza attraverso una nota circa i passaggi che hanno determinato la dismissione, l'annuncio dei fondi per la sua ristrutturazione e la mancata prosecuzione delle intenzioni.

"In riferimento al crollo di un'ala del vecchio ospedale di Spinazzola occorre fare chiarezza su alcuni passaggi. Come ben noto, quell'immobile è rientrato in una procedura di dismissione avviata dalla Regione Puglia nel lontano 2009 con una elencazione di beni non strumentali ad uso sanitario inviata dalle AA.SS.LL..

La ASL BT, in esecuzione delle DGR 320/2016 e 2190 del 28 dicembre 2016, adottò la deliberazione, a firma del Direttore Generale dell'epoca, dr. Ottavio Narracci, con la quale si redasse l'elenco dei beni non strumentali, nell'ambito del quale si precisava che gli immobili insistenti nel Comune di Spinazzola non potevano essere menzionati nella procedura di dismissione in quanto oggetto di contenzioso vertente proprio sulla proprietà degli stessi.

Infatti, nella delibera di Giunta Regionale n. 2190 del 28.12.2016, si è tenuto conto proprio della circostanza "… che da parte di diversi Enti SSR è stato segnalato alla Società che l'originario elenco di beni non strumentali di cui alla DGR n. 2427/2009 deve essere aggiornato ed implementato. Tanto sia perché a seguito di rilevazioni, effettuate dagli uffici dei medesimi Enti, è stata rilevata la non strumentalità di altri immobili o l'esistenza di particelle che fanno parte di cespiti già ricompresi nell'elenco di cui alla su menzionata Deliberazione, sia perché alcuni immobili non erano stati all'epoca oggetto di trasferimento in quanto notoriamente gravati da problematiche di natura giuridica rispetto ai quali ad oggi, non si è però pervenuti a soluzione. In detto contesto, i suddetti Enti hanno manifestato la volontà di avvalersi dell'esperienza maturata da Puglia Valore Immobiliare per attivare procedure funzionali alla regolarizzazione amministrativa, alla dismissione, ed all'introito dei proventi da destinare ai sensi del d.lgs. 118/2011 ad investimento…".

"In ragione di quanto sopra, appare evidente e notorio anche a tutti coloro che si sono nel tempo interessati della vicenda, che quell'immobile, sul quale, quindi, non vi era certezza della titolarità, aveva anche perso la natura strumentale a fini sanitari, motivo per il quale la nota del 2016, a firma dell'allora direttore generale Ottavio Narracci, non poteva avere seguito, atteso che la mera ristrutturazione dell'immobile non poteva rientrare nelle misure del finanziamento 9.12 già dalla adozione della prima DGR 320/2016".

Così Alessandro Delle Donne, Commissario straordinario Asl Bt, interviene sul caso di Spinazzola dove le piogge hanno determinato il crollo di una parte del vecchio ospedale.

"Siamo in contatto continuo con il Comune di Spinazzola e anche con le forze politiche che si stanno interessando della vicenda - continua Delle Donne – e, finalmente, proprio lo scorso 5 luglio abbiamo definito con il Comune di Spinazzola un lunghissimo contenzioso durato oltre 20 anni la cui materia del contendere riguardava anche la proprietà di quell'immobile e, a seguito dell'accordo sottoscritto, la Asl è entrata in possesso della struttura e ora si può procedere, ai sensi delle DGR 320/2016 e 2190/2016, a trasferire anche questo immobile alla Società Puglia Valore Immobiliare - Società di cartolarizzazione".

"Tuttavia, va detto che proprio ieri abbiamo inviato alla Regione una richiesta di autorizzazione ad effettuare interventi di manutenzione straordinaria con anticipazione di fondi di bilancio, previo svolgimento di uno studio approfondito della situazione strutturale dell'immobile così da poter progettare gli interventi necessari e possibili per il recupero dell'intera struttura".

"E' evidente che in tutti questi passaggi non c'è nulla di semplice e quanto accaduto dato l'alto valore dell'immobile ci addolora - continua Delle Donne - ma va sottolineato che in questo momento, più che mai, è necessaria la massima chiarezza sulle procedure, quelle degli anni scorsi e quelle in corso. Citare un documento a firma del dottor Narracci senza contestualizzarlo e senza verificare cosa è successo dopo può essere fuorviante e serve solo ad alimentare polemiche non costruttive".
  • Ospedale santa maria la civita
Altri contenuti a tema
Ex ospedale di Spinazzola, Caracciolo in sopralluogo con Asset Puglia Ex ospedale di Spinazzola, Caracciolo in sopralluogo con Asset Puglia Il consigliere regionale PD, «Necessaria una robusta messa in sicurezza dell’immobile da parte della ASL»
Crollo ex ospedale, il sen. Damiani a Spinazzola: «Ora rimuovere le macerie» Crollo ex ospedale, il sen. Damiani a Spinazzola: «Ora rimuovere le macerie» Il parlamentare di Forza Italia a colloquio col dg della ASL. «Reperiremo nuove risorse»
Crollo vecchio ospedale, venerdì sopralluogo ASSET per recupero dell'immobile Crollo vecchio ospedale, venerdì sopralluogo ASSET per recupero dell'immobile Massima disponibilità da Regione Puglia e Asl
I luoghi del cuore: Spinazzola e il suo 31° posto I luoghi del cuore: Spinazzola e il suo 31° posto Sospiro di sollievo per la sorte del Vecchio Ospedale
Spinazzola e i luoghi del cuore Spinazzola e i luoghi del cuore In questi giorni c’è stato lo stop alla votazione per i luoghi del cuore, Spinazzola ha conquistato il 27° posto a livello nazionale
Salviamo il vecchio ospedale Salviamo il vecchio ospedale i cittadini spinazzolesi si mobilitano per la raccolta firme volta a tutelare il vecchio ospedale
© 2001-2022 SpinazzolaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
SpinazzolaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.